LECTIO BREVIS / 38

Appunti e spunti minimi su libri letti, riletti, sfogliati

A cura di Roberto Mandile

PUNTATA 38
VITE DA ROMANZO


UN CLASSICO: “Grandi speranze” di Charles Dickens
UN GIALLO: “Il dramma d’Orcival” di Emile Gaboriau
DALLO SCAFFALE: “Il mondo secondo Garp” di John Irving
LECTIO BREVISSIMA: “Quando lessi il libro” di Walt Whitman

UN CLASSICO
“D’un classico ogni prima lettura è in realtà una rilettura” (Italo Calvino)

Charles Dickens – GRANDI SPERANZE (ediz. orig. 1860-61)

Di cosa parla: L’orfano Pip viene cresciuto dalla dispotica sorella e dall’affettuoso marito di lei. Il casuale incontro con un evaso, avvenuto la vigilia di Natale del 1812 quando Pip è ancora un bambino, e, qualche anno dopo, l’inattesa frequentazione di Miss Havisham, una vecchia zitella benestante che lo accoglie nella sua inquietante dimora come “compagno di giochi”, cambieranno la vita di Pip, che, una volta cresciuto, si trasferirà a Londra dopo aver ricevuto in dono una grossa somma di denaro da un ignoto benefattore…

Commento: Si è detto, a ragione, che se la sensibilità nei confronti dell’infanzia si è evoluta nel corso degli ultimi due secoli della civiltà occidentale, è merito anche di Dickens, che fece dei bambini e dei ragazzi i protagonisti di alcuni dei suoi più celebri romanzi. Se David Copperfield e Oliver Twist si contendono la palma del fanciullo più famoso, la storia di formazione di Pip è forse la più matura e completa. Impossibile dire cosa apprezzare di più in questo indiscutibile capolavoro dello scrittore britannico, forse la magistrale capacità di Dickens di padroneggiare tutti i registri narrativi. Personaggi tutti straordinari.

GIUDIZIO: ****

UN GIALLO
“Il romanzo poliziesco è un gioco intellettuale; anzi uno sport addirittura” (S.S. Van Dine)

Emile Gaboriau – IL DRAMMA D’ORCIVAL (ediz. orig. 1867)

Di cosa parla: 186… Entrati clandestinamente nel parco della tenuta di Valfeuillu a Orcival, due ladruncoli si imbattono nel cadavere della contessa di Trémorel, barbaramente assassinata e abbandonata sulla riva della Senna, con l’abito lacero, infangato e insanguinato. Del fatto viene subito informato il sindaco del paese, il signor Courtois, che si rivolge al giudice di pace, il signor Plantat. Ma sarà con l’arrivo sul posto di Lecoq, ispettore della Sûreté di Parigi, che si avvieranno le vere e proprie indagini le quali punteranno presto il dito sul marito della vittima, misteriosamente scomparso…
Commento: Dopo l’esordio con L’affare Lerouge, il secondo romanzo di Gaboriau, uno dei padri nobili del poliziesco, lascia intravedere senz’altro un livello di maturazione, sia nell’elaborazione della trama poliziesca sia nella delineazione dei personaggi. Molti elementi da feuilleton (il romanzo fu pubblicato a puntate contemporaneamente su due giornali francesi), ma usati con una certa sapienza: il lungo flashback centrale, che ricostruisce tutta la storia che sta alle spalle del crimine (e le avventurose vite dei protagonisti), abbonda forse di cliché ma è certamente appassionante.

GIUDIZIO: **½

DALLO SCAFFALE
“La Biblioteca è così enorme che ogni riduzione d’origine umana risulta infinitesima” (Jorge Luis Borges)

John Irving – IL MONDO SECONDO GARP (ediz. orig. 1978)

Di cosa parla: Dal (bizzarro) concepimento alla morte, la vita dello scrittore T.S. Garp, figlio di Jenny Fields, infermiera anticonformista, che durante la Seconda guerra mondiale si fa mettere incinta nel reparto rianimazione dell’ospedale militare di Boston da un mitragliere diventato infermo mentale. A guerra finita, Jenny diventerà, con la sua autobiografia “Sessualmente sospetta”, punto di riferimento del movimento femminista. Garp sposerà Helen, conosciuta quando era ragazzo; dal matrimonio nasceranno due figli, ma anche i reciproci tradimenti che saranno all’origine di altre tragicomiche vicende…
Commento: Irresistibile per la straordinaria capacità di mettere in scena il dramma della vita in tutti i suoi toni, è un romanzo entusiasmante, divertentissimo e commovente, sul sogno americano ma anche sul ruolo della letteratura, perché “il romanziere – come dice Garp – è un medico che cura solo casi disperati”. Indimenticabili le Ellen-Jamesiane, le ultrafemministe che si sono tagliate la lingua in onore di Ellen James, una ragazzina che ha subito lo stesso trattamento da parte dei suoi stupratori e che si ribellerà alle sue seguaci scrivendo il libro “Perché non sono una Ellen-Jamesiana”.    

GIUDIZIO: ****

LECTIO BREVISSIMA

Walt Whitman – QUANDO LESSI IL LIBRO (1891 – traduzione di Ariodante Marianni)

Quando lessi il libro, la famosa biografia,
È questa (mi dissi) che l’autore chiama vita d’un uomo?
Così qualcuno scriverà la mia vita, quando io sarò morto?
(Come se un altro potesse veramente conoscerne qualcosa,
Se persino io penso spesso che ne so poco o niente,
Qualche cenno, qualche sparso debole indizio, segnali indiretti
Che per mio uso esclusivo cerco qui di tracciare.)

Walt Whitman
Walt Whitman